Udinese-Cagliari 6-2: Quagliarella saluta nella festa del goal

"Friuli" in festa: 8 goal e tante emozioni.

Sconfitta indolore per il Cagliari, già pago della sua ottima stagione.
L’Udinese si congeda dal suo pubblico con una bella vittoria sul Cagliari. Con questo successo i friulani relegano i rossoblu al nono posto e si portano a quota 58 punti. Il Cagliari, ormai pago della sua ottima stagione, rende l’onore delle armi e soccombe comunque con dignità.

In campo – Marino schiera l’Udinese con il consueto modulo 4-3-3 e premia la formazione titolare di questa stagione ad esclusione dell’infortunato Di Natale, che viene anche oggi rilevato dal degno sostituto Floro Flores. Nel Cagliari Allegri dà spazio a chi ha giocato meno. In porta Lupatelli rileva Marchetti, fresco di convocazione in nazionale. In difesa Matheu e Astori giocano al posto di Agostini e Lopez, mentre a centrocampo Biondini torna titolare, ma staziona sulla destra, con Parola centrale al posto dell’indisponibile Conti e Lazzari a sinistra. Confermato il reparto avanzato con Cossu trequartista e le due punte Jeda e Acquafresca, autori di 24 reti complessive in questo campionato.

Si gioca – Entrambe le squadre sembrano voler onorare la partita e si parte con un buon ritmo. Dopo 2 minuti azione di rimessa del Cagliari con Cossu che serve Jeda, che però non trova lo spazio per il tiro. La replica dell’Udinese è molto più concreta e si traduce addirittura in un triplo vantaggio per i bianconeri friulani. Al 10’ D’Agostino riceve palla al limite dell’area e con un tocco di esterno sinistro scarica per Asamoah che dal vertice sinistro dell’area lascia partire un bel diagonale rasoterra di sinistro, che supera Lupatelli e si infila nell’angolino basso sul secondo palo. Passa un solo minuto e l’Udinese raddoppia complice una clamorosa distrazione di Parola. Il centrocampista rossoblu riceve palla dalla rimessa laterale e serve di prima intenzione e, involontariamente, l’ex cagliaritano Pepe, a centro area. L’attaccante esterno bianconero non ci pensa due volte e lascia partire un destro al volo che si insacca alla destra di Lupatelli. Ma non è finita qui perché i friulani alzano i ritmi e si portano sul 3-0 dopo appena un quarto d’ora di gioco. Pepe punta Canini sulla destra e lo supera, Felipe calcia di destro e colpisce il palo. Sulla respinta raccoglie Floro Flores che è più lesto di tutti e scaglia il pallone in rete e sotto la traversa con un potente tiro di piatto destro. Ancora lo scatenato Floro Flores si invola sulla sinistra e in accelerazione supera Matheu e serve Quagliarella, l’attaccante napoletano si gira ma la sua conclusione di destro trova la respinta di Astori. Il Cagliari è frastornato dai 3 goal subiti e prova una timida reazione nel finale di primo tempo. Al 35’ Acquafresca, su cross di Lazzari dalla sinistra, si coordina e prova la battuta al volo di destro, ma Handanovic presidia il primo palo e respinge di pugno. Sei minuti più tardi Cossu calcia dai 20 metri su assist di Jeda, ma la mira e imprecisa e il pallone finisce sul fondo.

Nella ripresa il Cagliari cerca il goal della bandiera e lo ottiene con Acquafresca che fa salire la squadra e si procura un calcio di rigore per atterramento in area causato da Felipe. Al 54’ il bomber dei sardi spiazza dal dischetto Handanovic e realizza la quattordicesima rete stagionale. Due minuti più tardi il Cagliari si porta sul 2-3 con un’azione corale impostata da Biondini che serve Cossu che piazza un assist a centro area trasformato da Parola, con un tocco di piatto destro, nel secondo goal dei rossoblu. Ma un minuto più tardi Pasquale salta elegantemente Astori al limite dell’area, sfonda centralmente con la complicità di Canini e supera Lupatelli in uscita con un tocco in diagonale di destro. Ancora Udinese al 61’ con una combinazione Inler-Quagliarella, con il centravanti napoletano che coglie la traversa con un destro dal limite dell’area. Il Cagliari ha due ghiotte occasioni con il nuovo entrato Fini, che però le fallisce per scarsa lucidità. Quagliarella cerca con insistenza la sua ultima rete con la maglia dell’Udinese ed inizia un duello personale con Lupatelli, che gli nega il goal due volte, respingendo prima un destro dal limite e poi un sinistro a girare dai 20 metri. C’è spazio anche per una respinta del portiere dei sardi su botta di D’Agostino dai 30 metri. Ma all’80’ Quagliarella segna il goal del 5-2 , concludendo con un tiro di piatto destro, che si insacca sotto l’incrocio dei pali, uno splendido contropiede avviato e rifinito da Simone Pepe. La difesa del Cagliari si concede un’ultima distrazione all’89’ e su assist del giovane Kimling, l’esordiente Ighalo trova la sua prima rete in Serie A e fissa il punteggio sul definitivo 6-2.

La chiave – Marino scommette ancora sulla propria formazione titolare e rimanda al secondo tempo gli esperimenti. Allegri, invece cambia l’assetto del Cagliari nel reparto difensivo e paga dazio.

La chicca – E’ il 15’ minuto e al “Friuli” assistiamo ad un’azione da flipper alla velocità supersonica. Pepe punta Canini sulla destra e con due finte lo fa fuori, sovrapposizione di Felipe che coglie il palo e sulla respinta è prontissimo Floro Flores, che di destro fa secco Lupatelli.

Top&Flop – Benissimo Pepe, Quagliarella e D’Agostino, che si congedano dal loro pubblico nel migliore dei modi. Cossu e Acquafresca i migliori del Cagliari. Male la difesa del Cagliari, che senza i suoi pezzi da “novanta” fa acqua da tutte le parti.

Silvio Putzolu

IL TABELLINO

UDINESE-CAGLIARI 6-2

MARCATORI:
10’ Asamoah (U), 11’ Pepe (U), 15’ Floro Flores (U), 54’ rig. Acquafresca (C), 56’ Parola (C), 57’ Pasquale (U), 80’ Quagliarella (U), 89’ Ighalo (U)

UDINESE (4-3-3): Handanovic 6; Isla 6, Zapata 6, Felipe 5.5, Pasquale 6.5, Inler 6, D’Agostino 7 (83’ Zimling s.v.), Asamoah 6,5, Pepe 7,5, Quagliarella 7 (85’ Ighalo 6), Floro Flores 7 (72’ Sanchez 6). All. Marino 7

CAGLIARI (4-3-1-2): Lupatelli 5.5, Matheu 4.5, Astori 5, Canini 4.5, Pisano 5.5 (83’ Magliocchetti s.v.), Biondini 6, Parola 5, Lazzari 6 (62’ Fini 5.5); Cossu 6.5, Jeda 5, Acquafresca 6.5 (83’ Ragatzu s.v.). All. Allegri 5.5

ARBITRO: Ciampi (Roma) 6,5

AMMONITI: Felipe (U), Matheu (C)